Malpensa Insiders

News, analisi e anticipazioni su tutto quello che gira intorno a Milano Malpensa e all'aviazione civile in Italia


+4
milmxp
spanna
I-TIGI
FlyIce
8 partecipanti

    ITA Airways - Anno zero

    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 02.02.23 18:02

    Articolo di Milano Finanza, da prendere con beneficio s’inventario.
    Comunque è chiaro che LH non ha fretta, come diciamo qui da tempo.

    ITA: LUFTHANSA AL 100% NEL 2027 (MF)

    ROMA (MF-DJ)--Modello Brussels Airlines per Ita Airways che sara' a 100% capitale tedesco nel 2027. Si puo' riassumere cosi', spiegano a MF-Milano Finanza fonti vicine a Lufthansa, il piano della compagnia tedesca per il vettore controllato dal Tesoro che deve essere privatizzato. Proprio come fatto con l'aviolinea belga, il colosso guidato da Carsten Spohr entrera' nel capitale di Ita in due step: prima al 40% tramite un aumento di capitale riservato che potrebbe essere di 200-300 milioni di euro, ma anche maggiore. Una volta riportata poi Ita alla redditivita', obiettivo che Lufthansa prevede di raggiungere in due anni, la compagnia tedesca conta di salire al 100% e di consolidare Ita entro altri due anni, nel 2027. Ita diventera' una delle compagnie del portafoglio Lufthansa assieme a Lufthansa Regional, Lufthansa CityLine, Air Dolomiti, Austrian Airlines, Swiss Air Lines, Edelweiss Air, Brussels Airlines, Eurowings e Lufthansa Cargo. L'idea e' quella di prendere il controllo molto velocemente per riuscire a centralizzare gli acquisti su handling, manutenzione, carburanti e nuovi aerei, voce a cui Lufthansa destina ogni anno 2,5 miliardi. Il governo sta facendo pressione perche' i tedeschi prendano il controllo prima possibile. Spohr intende conservare le rotte esistenti da e verso Fiumicino e da e verso Linate, i due scali principali di Ita. L'hub romano conservera' il lungo raggio, quello piu' redditizio, verso il Nord America, ma si arricchira' di altre tratte verso l'emisfero sud: Africa, Sud-Est Asiatico e America Latina. Sia di business, sia turistiche: Fiumicino e' l'unico scalo nel network Lufthansa nel Sud Europa, una skill che Spohr intende valorizzare. Mentre Linate, dove i tedeschi sono gia' il secondo vettore, conservera' le rotte europee. Da chiarire invece la mission di Malpensa che potrebbe sfruttare il traffico cargo dove la compagnia di Berlino e' leader in Europa, con vantaggi per l'export italiano. Al netto degli aumenti contrattuali, vengono esclusi tagli al personale e l'uso del marchio "Alitalia" non e' per nulla certo. A Berlino hanno salutato positivamente solo la scelta di sborsare 90 milioni per togliere il vecchio brand dal mercato. Verranno poi siglate delle alleanze anche con le compagnie ferroviarie, quindi Fs per distribuire biglietti unici sulla base di quanto fatto gia' in Germania con Deutsche Bahn e in Austria con Oesterreich Bahn. Sulla governance, i nomi che circolano per il ruolo di ceo sono quelli di Fabio Lazzerini, come opzione di raccordo, e quello di J rg Eberhart, ex ceo di Air Dolomiti e capo della strategy di Lufthansa. Il 27 gennaio il Mef ha siglato il memorandum d'intesa facendo scattare i 60 giorni "lavorativi" di trattativa in esclusiva che dovrebbe portare al primo step. Lufthansa conta di arrivare al preliminare di acquisto gia' a meta' marzo.

    Link: http://finanza.tgcom24.mediaset.it/news/dettaglio_news.asp?id=202302020956021706&chkAgenzie=PMFNW
    D960
    D960


    Messaggi : 504
    Data d'iscrizione : 27.03.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da D960 02.02.23 18:15

    A me pare ci sia un po' troppa fantasia.
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 02.02.23 19:00

    La compagnia è di Koln e non Berlin prima di tutto, il resto, come anche altri articoli su altri media solite cose lette dall’anno scorso spesso inventate inventate o già stralciate da tempo.
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 02.02.23 19:02

    spanna ha scritto:31 agosto 2022 il MEF firma la lettera di intenti di certares e apre alla trattativa in esclusiva per la vendita di ITA, preferendola ad una cordata LH + MSC. Se l'ha preferita, qualche motivo ci sara' pure stato, no? Forse quella MSC + LH non era una grande offerta, no? …

    Non era stata una questione economica: all’ultimo minuto avevano cambiato la governance futura e il MEF voleva tenere una voce in capitolo nelle decisioni della compagnia, sia pure con una minoranza delle azioni.

    Quindi il governo metteva paletti e qualcun altro ci metteva i soldi.
    LH non ha accettato, MSC si è inca**ata di brutto, Certares ha fatto melina, tanto più che AF e Delta sembrano tutt’altro che entusiasti di entrare in ITA.
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 02.02.23 20:21

    Previsto feederaggio/ptp su MXP da parte di Air Dolomiti su MXP per Star Alliance con o senza ITA dal 2024.
    Si, e’ vero, ITA non farebbe voli feeder su MUC e FRA dalle città secondarie italiane, lo fa già la loro Air Dolomiti e tra un paio di anni il nuovo vettore LH dedicato al federaggio.
    Viele Grusse 😎
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 04.02.23 19:15

    Testuali parole di Giorgetti, in campagna elettorale (per le regionali) si fa prendere dall’entusiasmo per l’offerta Lufthansa:
    “Una cosa la posso dire: se andra' in porto, sara' una grande operazione industriale. Sara' soprattutto a beneficio di Fiumicino, che diventera', nel disegno strategico della proposta di Lufthansa, l'hub di riferimento per il Sud del mondo, con una prospettiva di sviluppo che quindi va ben oltre una dimensione nazionale o continentale”

    Qui trovate anche il video: https://www.agi.it/vista-tv/video/2023-02-01/ita-giorgetti-con-lufthansa-grande-operazione-industriale-fiumicino-strategico-19920162/

    Ah, ovviamente di FCO hub ne parla in Lazio 😉
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 07.02.23 12:50

    ITA getta la spugna sui voli per LHR: troppo cari gli slot, che prende in affitto da Etihad.

    Berberi fa i conti sono circa 1000€ a volo, quindi non tantissimo, se uno provasse ad avere una tariffa media non stracciata.
    Pia illusione sperare che Lufthansa ne presti qualcuno dei suoi, visto che li usa regolamente.

    Rimangono i voli per Londra City, ma questo è un bello smacco per ITA, sempre piu' una regional.

    https://www.corriere.it/economia/aziende/23_febbraio_07/ita-airways-abbandona-heathrow-per-ora-troppo-costosi-slot-londra-noleggiati-etihad-31203220-a626-11ed-a839-e2a726793555.shtml
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 07.02.23 20:05

    Mille euro a volo su Heathrow non sono nulla, la realtà è che volano li quasi vuoti o a prezzo da LC quindi ritirata camuffata dai costi di Heathrow.
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 08.02.23 18:19

    novita' sulla trattativa stato lufthansa? Mi raccomando svegliatemi quando sapete qualcosa
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 09.02.23 12:10

    È solo un rumor ma chiarisce le idee a chi pensa che Lazzerini possa avere un lungo e radioso avvenire in ITA sotto Lufthansa.

    https://www.lagenziadiviaggimag.it/ita-nellera-lufthansa-lex-ceo-air-dolomiti-alla-guida/
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 09.02.23 20:08

    Nel caso che si chiudesse tra LH ed ITA figuriamoci se a Koln si tengono trafficanti di tappeti…
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 11.02.23 16:42



    A un passo dal traguardo, sfuma l'accordo sugli aumenti salariali tra Ita e i sindacati. E l'ex Alitalia corre verso il primo sciopero che […] cadrà il prossimo 28 febbraio: un'astensione dal lavoro di quattro ore. […] questa volta i problemi sono tutti interni all'azienda […]

    […] giovedì sera l'ad del compagnia aerea, Fabio Lazzerini, ha stretto la mano ai sindacati, i dettagli erano definiti: per i piloti era previsto un aumento del 38% sui minimi tabellari, mentre per gli assistenti il ritocco doveva arrivare al 23%. Previsto anche un rialzo della diaria sui voli internazionali, mentre per il personale di terra, l'aumento definito era nell'ordine del 15%.

    Eppure dopo diversi rinvii della riunione convocata al ministero del Lavoro, ieri l'accordo raggiunto non è stato formalizzato. Al punto che il segretario nazionale della Filt Cgil, Fabrizio Cuscito accusa: «L'accordo già concluso e negoziato è stato fatto saltare dall'azienda. […] qualcuno, non solo non ha a cuore gli interessi dei lavoratori, ma gli manca di rispetto ed ha, al contrario, interesse che venga messa a rischio l'operazione di ingresso di Lufthansa […]».

    Anche perché Lufthansa ha dato il proprio benestare all'accordo con i sindacati riconoscendo che i salari in Ita sono largamente inferiori alla media del comparto europeo. Una differenza che si giustifica con il fatto che l'ex Alitalia è di fatto una start up che beneficia di condizioni contrattuali più favorevoli. Motivo per cui i tedeschi che sono in trattativa con il ministero dell'economia per rilevare il 40% del capitale di Ita erano favorevoli a un'intesa con in sindacati. […]

    A bloccare la trattativa sarebbero stati i consiglieri Ugo Arrigo e l'ex manager di EasyJet Frances Ouseley che avrebbero chiesto di poter formalizzare in cda il loro dissenso all'aumento del costo del lavoro in Ita Airways. Un passaggio che si poteva completare solo con la convocazione di un cda straordinario per il quale, però, non c'erano i tempi tecnici. […] Lo strappo con i sindacati, tuttavia, va ad incrociarsi con la trattativa tra il Tesoro e Lufthansa per la cessione di una quota di minoranza di Ita.


    Nel memorandum firmato tra le parti la quota della newco in vendita è compresa in una forchetta tra il 20 e il 40% e il gruppo tedesco si avvia a prendere attraverso un aumento di capitale riservato il 40% per un esborso tra i 250 e i 300 milioni di euro. […] Per l'estate è previsto quindi l'ingresso operativo di Lufthansa in Ita. Centrale nella strategia di Lufthansa l'aeroporto di Fiumicino, destinato a diventare l'hub per l'America Latina e l'Africa essendo quello più meridionale tra gli hub nel network di Lufthansa
    https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/ci-facciamo-sempre-riconoscere-ndash-passo-traguardo-sfuma-342331.htm
    avatar
    milmxp


    Messaggi : 185
    Data d'iscrizione : 28.03.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da milmxp 12.02.23 19:16

    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 12.02.23 22:56

    Per me tutta questa attenzione all’offerta Lufthansa, come se fosse imminente o scontata, mi pare fuori luogo.

    L’attenzione andrebbe messa sui punti che rischiano di far saltare ogni possibile accordo:
    1. I sindacati
    2. I conti disastrosi di ITA

    Quello che è successo pochi giorni fa è, a dir poco, imbarazzante: aumenti di stipendi fuori scala (rispetto a inflazione o altre aziende) per tutti, peggio ancora la successiva retromarcia dell’azienda che porta inevitabilmente ai orimi scioperi in casa ITA. Un insuccesso epico per tutti. Un qualcosa che non dovrebbe mai succedere.

    Ancora peggio sono i conti dell’azienda: l’esposizione debitoria peggiora di giorno in giorno e questo rischia di rendere le future ricapitalizzazione insufficienti a garantire che in futuro l’azienda sia snella finanziariamente e non il solito carrozzone indebitato.
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 14.02.23 14:18

    https://www.ilsussidiario.net/news/spy-ita-lo-stop-interno-a-lazzerini-e-ai-sindacati-sugli-aumenti-salariali/2489295/


    SPY ITA/ Lo stop interno a Lazzerini e ai sindacati sugli aumenti salariali
    Pubblicazione: 14.02.2023 - Vittoria Ala
    Sembrava ormai certo un accordo tra ITA e i sindacati su un aumento dei salari, ma alla fine l’operazione è stata bloccata in attesa di una decisione del Cda.

    In questi giorni si sta parlando molto del mancato accordo sindacale che avrebbe dovuto sancire un aumento dei tetti salariali per il personale di ITA Airways, la compagnia di bandiera italiana alle prese con una difficile privatizzazione.

    Venerdì scorso, azienda e sindacati si sono ritrovati gli uni di fronte agli altri al ministero del Lavoro per sancire un accordo già sostanzialmente negoziato dalle parti nei giorni precedenti e che necessitava solo della ratifica per poter entrare in vigore. L’accordo portato avanti dal DG Fabio Lazzerini e senza un avvallo del Cda, prevedeva sostanzialmente un aumento del 30% dei salari. Ed è proprio li, al ministero del Lavoro, più o meno alle 19:00 (dopo i vari rinvii) che accade l’impensabile. Toccherà a Domenico Galasso responsabile delle relazioni industriali in ITA dare la notizia che gelerà tutti i presenti. Non ci può essere accordo fino a quando questi non sarà valutato e deliberato preventivamente da un Cda straordinario che l’azienda ha già convocato per il prossimo mercoledì.


    La questione riveste un carattere sostanziale e che non è di poco conto perché tre dei 5 consiglieri del Cda di ITA, e cioè Ugo Arrigo, l’ex manager di EasyJet Frances Ouseleye e Gabriella Alemanno chiedono che la questione venga discussa anzitempo all’interno di un Cda urgente. Il timore dei tre membri del Cda è che una volta siglato l’accordo sindacale senza avere un preventivo avvallo dell’azionista, Lufthansa potrebbe contestare al Governo l’aggravamento della situazione economica di ITA e quindi potrebbe proporre un ulteriore ribasso dell’offerta, se non addirittura ritirarsi.


    Infatti, Lufthansa, allo stato attuale non ha alcuna voce in capitolo nella trattativa tra i sindacati e ITA per l’innalzamento del tetto salariale, e quindi sarebbe molto difficile ottenere dai tedeschi una formale autorizzazione a siglare l’accordo stante il fatto che Lufthansa sembrerebbe non aver mai dato alcuna indicazione in tal senso e, anzi, ogni intromissione nell’attività di ITA in questo momento così delicato non sarebbe vista di buon occhio dai manager tedeschi. Quindi, la diretta conseguenza di un accordo “non concordato” potrebbe essere quella che il Mef a sua volta si ritroverebbe a dover chiedere conto di questa operazione direttamente a tutto il Cda di ITA con diretta conseguenza di avere la Corte dei Conti alle calcagna.


    Inoltre ,se Lufthansa davvero avesse dato il proprio benestare all’accordo con i sindacati, molto probabilmente l’accordo sarebbe già stato firmato (un po’ come accaduto per la firma del contratto Tra ITA, Lufthansa e Ferrovie) ed è questa la tesi più accreditata che circola in queste ore negli ambienti aeronautici e cioè che Lufthansa non abbia dato alcuna indicazione in tal senso.

    Ma cerchiamo di capire qual è stato l’elemento scatenante di tutta questa vicenda che ha fatto saltare il banco. Come precedentemente enunciato, attualmente il colosso tedesco è solo un mero spettatore di questa partita che sarebbe tutta interna a ITA. Nelle ultime ore in azienda gira una voce (molto insistente) e cioè che con l’ingresso di Lufthansa molti dirigenti potrebbero essere licenziati dall’oggi al domani. Il colosso tedesco, infatti, vorrà sicuramente inserire delle pedine di sua fiducia nei ruoli chiave e quindi attualmente tra i vari dirigenti c’è una corsa all’accreditamento.

    L’operazione “aumento dei salari” gioverebbe moltissimo in termini di credibilità solo all’attuale Amministratore delegato, Fabio Lazzerini, che l’ha portata avanti sin dall’inizio e che si vedrebbe proiettato in prima linea nella figura di garante, il grande paciere, tra il sindacato e l’azienda. Lazzerini, infatti, se l’accordo fosse andato in porto, si sarebbe potuto godere una gran bella vittoria che lo avrebbe visto come unico manager in azienda, in grado di poter gestire nel modo più adeguato (sicuramente per il sindacato è così) le relazioni industriali, ergo, Lazzerini sarebbe diventato una figura sostanzialmente insostituibile nell’eventuale giro di poltrone.

    Ciò che si sa per certo è che qualche giorno prima erano stati raggiunti gli accordi per le diarie. Tutto molto meno complicato dato che le modifiche (51 euro per il lungo raggio e 46 euro per il corto e medio) non sono particolarmente onerose per l’azienda poiché non vengono tassate. Ma un aumento del 30/35% del salario invece andrebbe a incidere non poco sul conto economico di ITA visto che si parla di circa 70 milioni di euro in più all’anno di stipendi.

    Domanda: ma il presidente Turicchi, che non è un manager di primo pelo, si è forse premurato di alzare il telefono e sentire il Mef per avere il via libera alla firma dell’accordo con il sindacato? E se sì, chi avrebbe convinto Turicchi che Lufthansa aveva dato un parere positivo alla stipula di un nuovo accordo con i sindacati per aumentare gli stipendi? E ancora, se Lufthansa è favorevole a questo accordo, lo sarà anche dopo, e quindi perché i sindacati avevano tanta fretta di firmare questa intesa prima dell’ingresso dei tedeschi? Ecco queste sono le domande a cui va data una risposta e è un po’ il vulnus di tutta questa vicenda molto intricata.

    In una situazione di sostanziale incertezza dove molto probabilmente qualcuno si è venduto la pelle dell’orso senza prima averlo ucciso, a Turicchi non sarebbe rimasta altra scelta che fermare tutto in attesa di discutere i dettagli dell’accordo all’interno di un Cda.

    Domanda: e se Lufthansa invece non fosse per niente d’accordo sull’innalzamento dei salari ai dipendenti di ITA? Come potrebbe essere valutata dal Cda di ITA questa ipotesi? Ovviamente questo spiegherebbe la preoccupazione e l’irritazione dei sindacati che è emersa in queste ultime ore dopo il mancato accordo, e del perché i sindacati sono stati così insistenti nel cercare a tutti i costi un accordo con ITA prima dell’ingresso di Lufthansa nell’azionariato della compagnia di bandiera. Inoltre, le sigle sindacali avrebbero fatto ricorso a tutte le possibili strategie per poter mettere ITA nelle condizioni di firmare l’intesa prima dell’ingresso dei tedeschi nel capitale della compagnia, compresa quella mediatica.

    Infatti, nei giorni scorsi sulle varie testate giornalistiche, erano apparsi numerosi articoli che definivano “nota e favorevole” la posizione di Lufthansa sull’aumento dei salari per i dipendenti di ITA e davano già “in tasca” l’accordo sindacale, notizia invece mai confermata ufficialmente dai manager del colosso tedesco, così come non è mai stata resa nota la posizione ufficiale sulla questione sia del Mef che del ministero delle Infrastrutture che invece proprio in queste ore avrebbero ufficiosamente sconfessato i sindacati.

    Ma c’è anche un’altra faccia della stessa medaglia. I sindacati su questo tema sono spaccati: Cgil, Cisl, Uil e Anpac, si ritrovano da una parte mentre i Sindacati di base dall’altra. Questi ultimi, infatti, accusano i primi di aver acconsentito a far partire ITA facendo in modo di lasciare a casa i piloti con una certa esperienza e anzianità perché messi nelle condizioni di non poter accettare uno stipendio così basso. E infatti proprio oggi i sindacati di base assieme a NAVAID hanno chiesto alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni di essere ricevuti per fare chiarezza sulle modalità che hanno portato ITA a siglare questi accordi e del perché in un momento in cui ci sarebbe da recuperare il personale che attualmente è fuori ed è in Cig, una parte del mondo sindacale si preoccupa solo di quelli che sono dentro ITA, e che casualità sono in gran parte sindacalizzati.

    L’atteggiamento dimostrato dal Presidente di ITA, Armando Turicchi, che ha per il momento sospeso tutta l’operazione con i sindacati, non sembra voler assecondare i consiglieri del Cda che hanno voluto vederci più chiaro in una situazione di incertezza, tra l’altro in un momento particolarmente delicato per la privatizzazione della compagnia. Turicchi sembra invece voler riportare ai minimi termini la questione all’interno di una gestione collegiale del dossier, facendo passare il problema come un non problema. Ma forse più di qualcuno potrebbe aver qualcosa da ridire.

    Il Governo, infatti, non solo non avrebbe gradito la corsa solitaria di Lazzerini anche se coperto e avvallato dal Presidente Turicchi, ma non avrebbe neanche gradito questa sorta di ricatto da parte dei sindacati che annunciano scioperi nel caso in cui non saranno firmate le clausole di aumento dei salari, fermo restando che i sindacati sono perfettamente a conoscenza, che l’accordo iniziale prevedeva che gli stipendi dei dipendenti di ITA sarebbero stati adeguati non prima del 2026, e quindi la ricostruzione fatta da più di qualcuno anche sulla stampa, per giustificare il mancato accordo sull’aumento degli stipendi e cioè che ci sia un disegno che tendenzialmente vorrebbe far saltare l’accordo con Lufthansa, non sta in piedi.

    A questo punto solo l’azionista di ITA potrebbe dare un avvallo all’operazione di aumento dei salari attraverso una comunicazione ufficiale rivolta a tutto il Cda, sgombrando il campo da qualsiasi mala interpretazione senza costringere i consiglieri di amministrazione a una presa di posizione così importante, così delicata e molto rischiosa anche dal punto di vista personale.

    Domanda: più di qualcuno in queste ultime ore però si sta chiedendo, ma se veramente Lufthansa fosse stata d’accordo sull’aumento dei salari del personale di ITA, non vorrebbe essere proprio lei a voler sedere al tavolo sindacale per contrattare le condizioni sull’aumento degli stipendi? Questo lo sapremo solo nelle prossime ore.
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 14.02.23 20:03

    Qualcuno veramente pensava di fare fessi Lufthansa aumentando stipendi data la situazione economica allucinante?
    Pensano di avere l’ennesimo pollo “forestiero” da spennare e prendere per il deretano?
    Hanno compreso male molto male a meno che l’intento sia di far scappare il vettore germanico ed in quel caso son già sulla retta via (ricordandogli che LH ha un piano alternativo con la sua Air Dolomiti e Star Alliance).
    Lazzerini fa tutto da solo e si sono visti i risultati, teneva Altavilla in disparte ed ancora ora fa finta che Lufthansa gli farebbe fare tutto, come no, fuori dalla porta.
    I sindacati, come anticipato qui settimane fa, pronti a far saltare il banco appoggiati da chi a Roma è contro i “forestieri” sbandierando Ala Littoria.
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 15.02.23 15:21

    Oggi sono stati aggiornati gli operativi su Londra.

    Dopo l'abbandono degli slot a Heathrow, i voli verranno spostati a STANSTED !!!
    Stansted è un aeroporto non ben collegato, lontano dalle zone piu' ricche e turistiche della città e dominato in modo incontrastato da Ryanair.

    Addio sogni di gloria e addio yield ...
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 15.02.23 18:46

    https://www.ilsussidiario.net/news/spy-ita-la-strategia-dei-sindacati-per-aumentare-la-loro-forza-con-lufthansa/2489911/

    Perché i sindacati vorrebbero siglare un nuovo accordo con ITA per aumentare gli stipendi dei dipendenti e perché lo vogliono fare prima dell’ingresso di Lufthansa? Questa è la domanda della settimana. Quando ITA è stata costituita nel 2021 per poter aggirare il famoso articolo 2112 del C.C. per la continuità aziendale, si sono inventati il Ccnl del Trasporto Aereo che è stato firmato dalle sigle sindacali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil Trasporti e Ugl a cui poi si è aggiunta anche l’Anpac, e che prevede per i dipendenti di ITA delle tabelle salariali economicamente più alte rispetto al vecchio contratto Alitalia.

    ITA successivamente ha sottoscritto con il sindacato degli accordi in deroga al contratto che prevedono un abbassamento degli stipendi nella fase cosiddetta di start-up, quella di avvio dell’impresa, e cioè quella che va dall’anno 2022 fino a tutto il 2025 anche a seguito degli accordi di secondo livello, firmati sempre in una fase successiva. Questi accordi prevedono che i piloti o gli assistenti di volo o il personale di terra con una certa anzianità possano entrare in ITA mantenendo la propria anzianità di servizio e quindi partire immediatamente con le erogazioni salariali previste da quella anzianità aumentata di 1 scatto, entro però i 20 anni di anzianità medesima. Tradotto: un comandante che aveva 19 anni di anzianità in Alitalia si ritroverà con un’anzianità di 20 anni in ITA e con l’applicazione della relativa tabella salariale che come detto è più alta rispetto a quella della vecchia Alitalia.

    In particolare le tabelle attuali del Ccnl prevedono erogazioni medie di circa 500 euro in più al mese per ogni pilota o comandante che opera sul medio o corto raggio, rispetto a quanto veniva percepito invece nella vecchia Alitalia. E allora perché gli ex Alitalia hanno rifiutato di andare a lavorare in ITA? In realtà gli ex Alitalia, non sono stati messi nelle condizioni di andare a lavorare in ITA. E vediamo il perché.

    Le tabelle di conversione indicate nel Ccnl che prevedono l’abbassamento dei salari per effetto della fase di start-up contengono un abbassamento medio degli stipendi in una forchetta che va dal 32% al 39%. Quindi, un comandante di corto e medio raggio con 10 anni di anzianità e che oggi lavora in ITA percepisce circa 3.100 euro al mese contro i 5.100 previsti dal contratto base. Questi 5.100 euro potranno essere percepiti solo dopo alla fine della fase di start-up, prevista dall’accordo a partire dal 2026.

    Ad esempio, rispetto ad un comandante di Alitalia, lo stipendio previsto dal nuovo contratto nazionale del trasporto aereo per un comandante di ITA è più alto mediamente di 500 euro al mese. Nella tabella che pubblichiamo a tergo potete trovare un riassunto delle tabelle salariali con alcune comparazioni tra il vecchio contratto Alitalia e le tabelle che vengono applicate attualmente da Air Dolomiti, che ha dei trattamenti salariali decisamente più alti rispetto a quelli sia dell’ex Alitalia sia anche di ITA.

    Ecco quindi spiegato perché i comandanti ex Alitalia più anziani, quelli con almeno 20 anni di esperienza, non sono andati a lavorare in ITA. Non solo uno stipendio troppo basso, ma il rischio anche di un taglio sulla futura pensione.

    Ma se il contratto di lavoro di ITA è più alto di quello di Alitalia perché il sindacato vuole ancora alzare di più gli stipendi? Grazie al fatto che il Governo ha trovato un partner industriale, e dato che di aerei in fotta ce ne sono a sufficienza (ne mancano almeno 10), che di passeggeri ne abbiamo quanti bastano (ne mancano almeno 3 milioni), che il fatturato è adeguato (c’è una perdita secca di 1,5 milioni al giorno), tutto ciò premesso il sindacato avrebbe voluto far dichiarare all’azienda che la fase di start-up sarebbe da archiviare e che quindi avrebbero dovuto entrare immediatamente in vigore le tabelle come da contratto Ccnl le quali per l’appunto prevedono un immediato innalzamento dei tetti salariali.

    Ma cos’è una start-up e quanto dura il periodo di start-up in una azienda? Il termine start-up venne utilizzato in passato per indicare il processo di accensione e avvio di un computer o di altro dispositivo elettronico. Oggi viene largamente utilizzato per indicare una nuova impresa in fase di avviamento. Il periodo di start-up normalmente dura dai 3 ai 5 anni a seconda degli investimenti proferiti. La fase di start-up invece si può definire conclusa solo quando sono stati realizzati tutti gli obbiettivi del piano industriale e gli investimenti conseguenti e l’azienda è in grado di produrre un fatturato adeguato abbastanza sufficiente per poter restituire il capitale agli investitori.

    Possiamo quindi informare i sindacati che ITA attualmente è ancora in fase di start up. Infatti, non ha ancora realizzato tutti gli investimenti, il fatturato è troppo basso rispetto ai debiti, (e lo sappiamo per certo perché la perdita a bilancio 2022 sfiorerà i 500 milioni di euro), la flotta attualmente è ancora in fase di stabilizzazione e notizia fresca, fresca di giornata ci si dice che proprio sulla flotta ci sarebbero dei rallentamenti sugli ordini già contrattualizzati in particolare quelli di Air Lease Corporation e cioè i famosi 31 aeromobili da noleggiare. L’ordine, infatti, avrebbe subito un certo rallentamento nella consegna degli aeromobili.

    Ma c’è un altro dettaglio che non può sfuggire a chi qualcosa ne capisce di questo mestiere: nell’accordo che i sindacati avrebbero voluto far firmare a ITA troviamo una clausola di ingresso per i nuovi assunti. E cioè per coloro che volessero entrare dopo la firma dell’accordo, pur riconoscendo loro l’anzianità di servizio, a questi neo-assunti verrebbero applicate per i primi 15 mesi di servizio le tabelle salariali di start-up. Cosa vuole fare quindi il sindacato: con il bene placito dell’azienda, di fatto vuole far coprire (solo per il primo anno) i cosiddetti aumenti salariali, (per effetto della cancellazione della fase di start-up) ai nuovi assunti attraverso minori esborsi.

    Cosa significa? Aumentando gli stipendi l’azienda dovrà sostenere un maggior costo del personale già stabilizzato (parliamo solo del personale navigante) e ciò corrisponderebbe a circa 41 milioni di euro l’anno in più, mentre il risparmio in termini di minori spese per i salari dei nuovi assunti per i primi 15 mesi di attività sarebbe nell’ordine dei 40 milioni di euro l’anno. La differenza di 1 milione di euro sarebbe in qualche modo rimodulata attraverso i premi di produzione che a quel punto potrebbero essere più contenuti. Quindi, di fatto è una operazione a saldo quasi zero, ma solo per il primo anno, e impostata alle spalle dei nuovi assunti.

    Infatti, dal secondo anno in poi il monte stipendi con i nuovi assunti passerebbe dai 118 milioni di euro (con applicazione delle tabelle di start-up) a circa 158 milioni di euro nel 2024, e dal 2025 il monte salario si assesterebbe a più di 185 milioni di euro. Un incremento di oltre 115 milioni di euro rispetto a oggi. Si ritiene che sia un costo molto difficile da giustificare per un’impresa ancora in fase di start-up.

    A questo punto c’è da chiedersi come è possibile che un’azienda come ITA che non ha ancora terminato la fase di start-up e che si ritroverà una perdita a bilancio di quasi 500 milioni di euro nel 2022, con un network e una flotta ancora tutta da disegnare, possa sottoscrivere degli accordi sindacali di tale rilevanza senza portare all’interno di un Cda un business plan aggiornato con tutte le variabili del caso a dimostrazione che la fase di start-up è terminata? Dove sta la copertura finanziaria per gli ulteriori 115 milioni di euro di stipendi che ITA si ritroverebbe in pancia già nel 2025?

    Com’è possibile che un’azienda possa permettere al sindacato di decidere su una regola che consideri i nuovi assunti dei lavoratori di serie “B” applicando loro per 15 mesi le tabelle di start-up quando di fatto sono i sindacati stessi che per avere più soldi in busta paga vogliono definire l’azienda non più una start-up ? Quale mente brillante ha potuto partorire un progetto simile e cioè l’eliminazione delle tabelle di start-up nel momento in cui non solo ITA è di fatto ancora una start-up, ma nel momento in cui Lufthansa sta decidendo di entrare in ITA e con l’incognita che un accordo del genere potrebbe tranquillamente far sì che Lufthansa si dilegui seduta stante o anche che i giudici, possano considerare lesivo e denigratorio dei lavoratori neo assunti tale accordo?

    Quale occhio di lince non si è reso conto che tutto questo giochino serve solo al sindacato per avere più soldi per gli attuali lavoratori di ITA, soprattutto in questa fase, tale che posa consentire al sindacato di consolidare il proprio ruolo in azienda ed evitare che un nutrito gruppo di piloti neo assunti e più esperti possa a loro volta costituirsi in un sindacato alternativo? Quale volpe del deserto non si renderebbe conto che questa operazione mira anche a poter mettere in futuro il sindacato nella condizione di andare alla corte di Lufthansa per poter ottenere un ulteriore aumento degli stipendi in modo da equiparare quelli di ITA a quelli di Air Dolomiti notoriamente più alti?

    Direi che tutto ciò è più che sufficiente e sono certo che i lettori potranno trarre autonomamente le proprie conclusioni…

    chi vuole vedere le tabelle puo' andare al sito linkato, io non le so inserire nel messaggio sorry
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 15.02.23 23:25

    Ita start up? Ma in che film? È Alitalia cammuffata con il codice di una nazione e basta.

    Volare a London Stansted e l’ultima delle caxxate di Lazzerini, il faccendiere Intrieri su Heathrow pensava di fare nero British mentre il venditore di fumo di ITA finisce in mezzo alle Low Cost 😂

    Come disse un mio collaboratore che vive nella city “Stansted is not London”
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 16.02.23 19:29

    questa storia dell'improvvisa agitazione sindacale a poca distanza dall'accordo firmato con ITA a mio parere ci mostra alcune cose interessanti. Aldila' che giustamente come e' stato rilevato definire startup una compagnia in cui il 95% delle persone al primo giorno di lavoro faceva esattamente lo stesso lavoro del giorno precedente, occupando la stessa scrivania e usando lo stesso computer, o imbarcandosi sullo stesso aereo con la stessa divisa, e' una cosa che suscita' ilarita' piu' che comprensione, quello che stupisce e necessita di una spiegazione e' come mai i sindacati, che pure hanno firmato un contratto che li impegna ad accettare tagli draconiani allo stipendio fino alla fine del periodo di startup, ergo fino alla fine del 2025, si siano improvvisamente svegliati e cerchino di anticipare forzatamente la fine del periodo di startup per riappropriarsi di un livello di stipendi "normale". E' chiaro che questa mossa inattesa dei sindacati, tanto inattesa che il CDA non l'ha al momento approvata, puo' mettere in discussione l'imminente accordo con LH. I sindacati hanno infilato l'azienda in una situazione lose-lose, perche' se AZ accetta di pagare i tedeschi si incaxxano, e se non accetta di pagare i sindacati scioperano e quindi i tedeschi si incaxxano lo stesso. Perche' quindi i sindacati si sono mossi in questo modo? Vale la pena, per anticipare di qualche anno un aumento di stipendio che sarebbe comunque stato ineluttabile, e di cui i tedeschi sono a conoscenza, rischiare di mandare l'accordo con LH a carte quarantotto? Io penso che dietro la mossa dei sindacati ci sia un altro motivo. Secondo me i sindacati hanno capito che, accordo o non accordo, ITA e' messa malissimo e non ha futuro, e portera' i libri in tribunale gia' entro la fine della W23/24, cosi' come gia' emerso da alcuni articoli di giornale. Portare i libri in tribunale significa congelare lo status quo retributivo, e, peggio ancora, in caso di fallimento e conseguente cassa integrazione i dipendenti andrebbero a prendere una percentuale calcolata su uno stipendio molto basso. E' qui che casca l'asino. Se ITA deve fallire, pensano i sindacati, che fallisca dopo aver riportato le retribuzione ai livelli alitalia, in modo da consentire ai dipendenti di percepire quanto percepiscono gli attuali cassintegrati e trombati alitalia. Di sicuro i sindacalisti non vorranno prendere il 35% meno dei cassintegrati alitalia. Con questa chiara percezione i sindacati hanno pensato bene, costi quel che costi, di cominciare una lotta vera coll'azienda, e se dovesse accelerare i tempi del fallimento, amen. Tanto fallira' lo stesso, loro pensano, ma almeno lottando c'e' la speranza concreta di portare a casa la retribuzione agognata per tutto il periodo di amminstrazione straordinaria (l'ultimo e' durato oltre 5 anni, mica briciole) e un'eventuale cassa integrazione dorata dopo il successivo fallimento.
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 16.02.23 19:45

    Interessante il ragionamento "in caso di fallimento".

    Un mio commento su questo passaggio:
    spanna ha scritto:... E' chiaro che questa mossa inattesa dei sindacati, tanto inattesa che il CDA non l'ha al momento approvata, puo' mettere in discussione l'imminente accordo con LH. I sindacati hanno infilato l'azienda in una situazione lose-lose, perche' se AZ accetta di pagare i tedeschi si incaxxano, e se non accetta di pagare i sindacati scioperano e quindi i tedeschi si incaxxano lo stesso. ...

    I vertici di LH hanno sempre incassato stoicamente scioperi anche molto duri, domani ce n'è uno, per esempio.
    E' una situazione lose-lose, siamo d'accordo, ma non credo che siano un po' di scioperi ad impensierire LH.

    Ho letto velocemente di alcune sentenze dei giudici del lavoro e ci sono elementi normativi concreti, al di là di ipotesi di reintegro: ITA doveva sottostare alla disciplina delle aziende pubbliche e invece si è mossa come una "start-up". Grosso errore.
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 16.02.23 20:21

    Interrompiamo la discussione su Lufthansa per un fatto di cronaca.

    C’è stato un incendio nella notte al T1 di JFK e oggi è chiuso.

    Qui c’è il NOTAM, credo in orari GMT:
    02/138 (A0724/23) - APRON TERMINAL 1 RAMP CLSD. 16 FEB 14:00 2023 UNTIL 17 FEB 14:00 2023. CREATED: 16 FEB 14:00 2023

    Neos dirotta su EWR
    ITA è tornata indietro

    Sul MXP (AZ604) in J sono 4 o meno
    La Y piena sì e no al 50%
    Sul FCO (AZ610) in J sono 3 o meno
    La Y piena sì e no al 30%

    Se ì riempimenti sono così anche domani, fanno due voli al prezzo di uno 😎
    spanna
    spanna


    Messaggi : 388
    Data d'iscrizione : 13.04.19

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da spanna 17.02.23 9:04

    LH sara' anche abituata a gestire scioperi in germania, non ho dubbi, ma immagino che preferiscano non doverli gestire affatto. La situazione di ITA e' gia' compromessa cosi' com'e', tale da rendere a mio modesto avviso comunque impraticabile l'ingresso di LH nel capitale, se ci aggiungiamo gli scioperi non vedo proprio come possa pensare LH di versarci dei soldi. Capisco che il mercato italiano fa gola, ma occorre fare un bilancio costi benefici tra i soldi che spendi annualmente per il mantenimento di ITA e gli utili che puoi generare nel resto del gruppo grazie agli accordi di codeshare. Pensare ad ITA come ad un investimento, con flussi di cassa negativi all'inizio bilanciati da flussi di cassa positivi successivi mi sembra insensato, visti i risultati ormai di decenni. Pensare di entrare in ITA per fare cio' che nessun governo italiano ti lascera' mai fare, idem. ITA puo' essere solo vista come una tassa da pagare a fronte di un servizio, ma occorre che tassa e servizio stiano in un certo equilibrio, cosa che al momento non mi pare. Meglio a questo punto lasciare che la commissione UE intervenga ad ogni fallimento togliendo di volta in volta un pezzetto, ormai non rimane moltissimo da togliere, il prossimo pezzo saranno sicuramente gli slot di LIN visto che manutenzione e handling gia' non ci sono piu'. Nel frattempo LH puo' continuare ad investire nel mercato italiano sviluppano air dolomiti, ed ora anche volotea. Sono aziende sane che possono sicuramente crescere e dare soddisfazione.
    FlyIce
    FlyIce


    Messaggi : 3817
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Catchment Area di MXP

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da FlyIce 17.02.23 9:43

    L'ingresso nel capitale ITA di LH dipende molto da quanto è compromessa la situazione a livello patrimoniale, soprattutto in termini di indebitamento.
    L'emoraggia di cassa e in conto ecomomico puo' essere rallentata o fermata anche velocemente ma i "buco" pregresso rimane un bel fardello da portarsi dietro.

    Gli slot di Linate, secondo le regole italiane, non sono monetizzabili, a meno di affittarli, ma finora non ci sono stati molti casi di successo. L'ultimo è stato una specie di wet lease per conto di Luxair (da parte della vecchia Alitalia), con voli per il Lussemburgo ma mi sembra che siano terminati da tempo.

    In sede UE la Commissione è stata criticata per aver lasciato "galleggiare" l'Alitalia commissariata per anni, le regole prevedono un prestito ponte per al massimo 6 mesi. Se finora è andata bene, la prossima molta c'è da aspettarsi meno magnanimità.
    I-TIGI
    I-TIGI


    Messaggi : 6204
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum

    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da I-TIGI 18.02.23 15:42

    La scellerata gestione di Lazzerini e le perdite enormi realizzate in pochi mesi non sono nulla difronte a qualche sciopero ed infatti in Lufthansa se ne fregano.

    Contenuto sponsorizzato


    ITA  Airways - Anno zero - Pagina 4 Empty Re: ITA Airways - Anno zero

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è 20.04.24 6:02