Malpensa Insiders

News, analisi e anticipazioni su tutto quello che gira intorno a Milano Malpensa e all'aviazione civile in Italia


    Linate, che problema c’è?

    I-TIGI
    I-TIGI

    Messaggi : 3565
    Data d'iscrizione : 02.03.19
    Località : Mediolanum
    170521

    Linate, che problema c’è?  Empty Linate, che problema c’è?

    Messaggio Da I-TIGI

    Qualche piccolo media locale cerca di creare un “caso” per manco una decina di voli trasferiti da Malpensa in sostituzione di slot Alitalia persi quando in realtà i nuovi voli su Linate per la maggiore sono ex novo sia di vettori già li operanti (Lufthansa, KLM, ed Easyjet) mentre altri hanno e stanno aprendo ex novo (quindi non trasferiti da Malpensa) come WizzAir, Tayaranjet, Volotea, Easyjet e probabilmente EGO Airways e Ryanair.
    Solo Austrian ha per ora chiuso i voli su MXP per operare sul LIN con solo due frequenze al giorno rispetto alle cinque in ottica feeder su Vienna pre COVID ed ora ptp da LIN (da giugno) data la situazione dei pochi voli di lungo raggio li attivi. Quando il traffico aumenterà altre frequenze le vedremo su MXP.

    E’ incredibile come per anni ci si sia lamentati del monopolio e della relativa arroganza politica di Alitalia (vedasi boicottare l’ultima proposta di modifica del decreto Burlando da parte del sindaco di Roma, altro che Albertini, sino all’ultima forzatura di riapertura durante il COVID con lo scorso governo) su Linate in barba a qualsiasi vera concorrenza ed ora che accade ci si meravigli di qualche volo nuovi o trasferito quando ancora ok mercato aereo e’ ai minimi termini.
    Si pensava che gli slot persi da Alitalia fossero sostituiti da Air Ali BaBa o lasciati liberi per ITA? Incredibile…

    Così come incredibili gli attacchi contro “milanesi” o la politica milanese o SEA da chi evidentemente non conosce i fatti o e’ faziosi a prescindere dato che (per fortuna) le decisioni sono prese a Milano.
    Linate chiuso per il bridge e per la pandemia non e’ stato alcun problema per I milanesi dato che un pax sceglie prima il volo e uno dei tre scali di conseguenza e non viceversa.

    Per concludere chi chiede la chiusura (al traffico commerciale) di Linate evidentemente ha interessi privati nel voler ridurre la capacità del sistema aeroportuale (MIL) dell’equivalente di una pista che assorbe solo traffico ptp a favore di altri sistemi aeroportuali.
    Solo quando sarà realizzata la terza pista sarà possibile valutare un ulteriore ridimensionamento dei slot su Linate o chiusura dei voli commerciali ma non un secondo prima.
    Il refrain di chi afferma che mai un hub carrier possa nascere a MXP vada a parlare con chi era al vertice di Lufthansa durante LHI o Airitaly (ma anche della Neos ora in salsa line).
    Vettori come British Airways ed Airfrance sono stati capaci di servire due aeroporti a Londra e Parigi ma se Alitalia non e’ capace neanche di gestirne uno di che stiamo parlando?
    Milano (Mil) non e’ ne Londra e ne Parigi ma sempre un sistema aeroportuale europeo importante con tassi di crescita pre COVID tra i maggiori in Europa.
    Condividi questo articolo su: redditgoogle

    FlyIce

    Messaggio 03.06.21 23:17 Da FlyIce (Online)

    I due decreti Lupi riportano nelle premesse:

    Considerato che, in attuazione dei criteri introdotti  dal  decreto
    ministeriale 5 gennaio 2001, la capacita' dell'aeroporto di Linate e'
    stata individuata nel limite di 18 movimenti  orari  come  risultante
    dalla direttiva impartita dall'Enac ad Assoclearence con  nota  prot.
    n. 01-420/D.G. del 12 febbraio 2001;


    Si tratta di una premessa, un dato acquisito, che serve ad inquadrare il seguito.
    Non è il Ministro che decide il numero dei movimenti, ma glielo indicano i tecnici.

    Questo perché nel testo questo limite viene fatto valere:

    Art. 4. - I vettori comunitari  possono  operare  collegamenti  di
    linea "point to point", mediante aeromobili del  tipo  "narrow  body"
    (unico corridoio), tra lo scalo di Milano Linate  e  altri  aeroporti
    dell`Unione europea, nei limiti della  definita  capacita'  operativa
    dello scalo di Milano Linate.


    Un altro tormentone dei linatologi s’infrange solo leggendo il decreto, che loro stessi dovrebbero conoscere benissimo!
    Quindi niente aumenti o diminuzione di voli per decreto!
    Per aumentare o diminuire i voli deve cambiare qualcosa a Linate, tipo pista, raccordi o parcheggi!
    Il numero di voli e’ fisso da 21 (VENTUNO) anni e non ci sono presupposti per cui possa cambiare.

    Abbiamo lasciato Linate pre-Covid in costante calo, anno dopo anno, mentre Malpensa faceva registrare i suoi anni record. La capacità di Linate è intorno ai 9 milioni di pax l’anno.

    A movimenti invariati, anche i passeggeri non cambieranno più di tanto, nonostante possano arrivare vettori più agguerriti di Alitalia, quindi con aerei pieni invece che vuoti.
    Ma potrebbe anche andar male, in un ipotetico “grounding” dell’Alitalia commissariata: si tratterebbe di un calo temporaneo, che però non toccherebbe Malpensa o Orio, dove Alitalia è praticamente assente.

      La data/ora di oggi è 17.09.21 17:12